Dal broadcasting all’egocasting

Siamo stati invitati oggi a Milano da BV Media (società specializzata nella vendita di prodotti e servizi per il broadcasting radiotelevisivo) alla presentazione della nuova release di MusicMaster, il noto software di programmazione musicale radiofonica adottato da molte reti nazionali ed importanti radio regionali italiane.

Wirt & Hopkins

A corollario della presentazione delle nuove features del software, i manager di MusicMaster Scott Wirt (impegnato dal 1983 sul tema della gestione della programmazione musicale) ed un simpatico Kevin Hopkins in possesso di un ottimo italiano, hanno illustrato le prossime tendenze della radiofonia, peraltro in più occasioni ribadite su queste pagine.
“Lavoriamo su un orizzonte temporale di 5 anni: entro il 2025 la Radio sarà molto diversa da come la vediamo oggi”, ha spiegato Hopkins alla platea degli operatori.

Brand Bouquet

In sostanza, il messaggio è che i milioni di ascoltatori della grande radio si frammenteranno su un numero elevato di stazioni del suo brand bouquet, mantenendo immutato il capitale dell’utenza. In sostanza, l’applicazione della proprietà commutativa dell’addizione, in base al quale, cambiando l’ordine degli addendi, la somma non cambia.
Per gli esperti di MusicMaster la Radio confermerà la propria resilienza adattandosi ai cambiamenti indotti dall’era della profilazione con grande ottimismo e caparbietà. Certamente molti editori si perderanno per strada; saranno quelli che non reagiranno ai segnali dei mutamenti in corso. Ma, dall’altro lato, nasceranno player più evoluti, in grado di intercettare efficacemente le istanze del mercato. (M.L. per NL)

Condividi sui tuoi social

Related Posts